Storia del “Premio Vallecorsi per un’opera teatrale”

Il “Premio Vallecorsi per un’opera teatrale” venne istituito nel 1949 in memoria di Francesco Vallecorsi, impiegato delle Officine San Giorgio di Pistoia ed infaticabile animatore di una filodrammatica presso il circolo aziendale dello stabilimento.

Dopo alcune edizioni provinciali e regionali, nel 1957 il premio divenne nazionale.
Nell’arco della sua attività hanno partecipato al concorso pistoiese diverse migliaia di copioni teatrali ed ha ospitato alcuni dei nomi più significativi della storia teatrale del secondo novecento e dell’inizio del nuovo secolo tra i quali si ricordano:
Giuseppe Patroni Griffi, Sandro Bolchi, Daniele Danza, Diego Fabbri; fra gli attori e le attrici premiati, da citare Tino Buazzelli, Glauco Mauri, Valeria Moriconi, Tino Carraro, Romolo Valli, Rossella Falk, Alberto Lionello, Eduardo De Filippo.

Alla fine degli anni ’90 l’archivio del gruppo “Amici del Vallecorsi” venne affidato in deposito alla Biblioteca Forteguerriana presso la quale è stato interamente inventariato.
Il composito contenuto dell’archivio comprende: corrispondenza, fotografie, ritagli di giornale, manifesti e depliant, verbali delle varie edizioni del Premio e carte che documentano l’attività del “Gruppo Amici del Vallecorsi”.

Nel 2014 fu assegnato il 58° Premio.

Nel periodo 2015-2020 il Premio è stato sospeso.

Nel 2020 la Fondazione che gestiva il Premio (costituita dal Comune di Pistoia e da Ansaldobreda) è stata liquidata.

Il 59° Premio “Vallecorsi” è bandito dalla “Associazione Amici del Vallecorsi per il Teatro” costituita da: .

  • Moreno Fabbri
  • Roberto Barontini
  • Luciano Bertini
  • Pier Luigi Guastini

L’attività della nuova Associazione è iniziata il 15 dicembre 2020.